La nostra visione

Impedire il degrado,  correggere gli errori,  sviluppare un futuro legato a qualità e sostenibilità
Sesto Fiorentino rischia  un inutile, pesante ed irreversibile degrado del proprio territorio e della propria dignità. Aeroporto ed inceneritore assegneranno in modo permanente a Sesto e alla Piana, il ruolo di “brutta periferia di Firenze”. Entrambe le infrastrutture non hanno giustificazioni tecniche di necessità : per ottenere i medesimi scopi prefissati,  si devono adottare alternative impiantistiche e infrastrutturali  non devastanti, razionali e ben più economiche (Trattamento meccanico-biologico e collegamenti ferroviari).  Sesto Fiorentino, che si è sempre fatta carico dei problemi di area vasta (già ospita una grande discarica) deve mettere uno stop a quanto si prevede di impiantare nel proprio territorio, che merita invece un altro sviluppo legato all’ Ambiente, al Paesaggio, alla Cultura, all’Innovazione.  Siamo consapevoli che quella in corso è la più grande battaglia ambientalista dei nostri territori, ma al contempo è una battaglia di razionalità e di grande levatura culturale per dare una prospettiva diversa, sana e sostenibile ai nostri figli, alle nostre famiglie e opportunità di lavoro più avanzate a tutte le imprese che lavorano o che auspichiamo possano nascere nel nostro territorio.    Crediamo che la drammatica crisi economica e occupazionale che sta privando famiglie ed imprese di una prospettiva di futuro,  sia un’ occasione per correggere i macroscopici errori compiuti sul nostro territorio e reimpostare in modo efficace un nuovo e duraturo sviluppo.   Si impone la necessità di immaginare e creare nuovo lavoro e nuove opportunità strettamente legate ai  concetti di qualità e sostenibilità.  Vogliamo immaginare la “Sesto di eccellenza” e creare “nuovo lavoro”. Questo è il nostro impegno prioritario.
Share Button
Download PDF
lagi graziano

Molto d’accordo con tutto, proponiamo un progetto ambientale per ricevere finanziamenti europei da spendere in raccolta ,riciclo e studio con l’università per una
mappatura tecnica dei rifiuti e per il loro riutilizzo.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *